Come Completare Una Esposizione Perfetta in Manuale

Stefano Michelin
Stefano Michelin
Stefano Michelin è un fotografo di professione che lavora con aziende e agenzie per le quali realizza servizi moda, campagna pubblicitarie e book. E’ impegnato a promuovere una cultura fotografica votata al recupero della professione e alla lotta all’abusivismo sempre più dilagante.
Stefano Michelin
Stefano Michelin
Stefano Michelin è un fotografo di professione che lavora con aziende e agenzie per le quali realizza servizi moda, campagna pubblicitarie e book. E’ impegnato a promuovere una cultura fotografica votata al recupero della professione e alla lotta all’abusivismo sempre più dilagante.

Uso corretto di Sensore, Diaframma e Tempo di Posa in fotografia

Continuiamo il nostro percorso di 6 lezioni iniziato QUI. (Tutte estratte dal Video Corso “Nati per la Fotografia)

Continua il Mini Percorso Formativo Gratuito sulla Fotografia

Elenco Video Lezioni per te:
1. Come Realizzare una Buona Foto
2. Come Completare Una Esposizione Perfetta in Manuale
3. Quantità e Qualità della Luce nelle foto
4. Come Comporre una Fotografia
5. Conoscere gli Obiettivi Grandangolari, Normali, Teleobiettivi
6. Come Scegliere la propria Macchina Fotografica
..se le trovi interessanti poi:

Il Sensore è il cuore della nostra macchina fotografica, è la parte incaricata a ricevere le onde della luce, codificarle, trasformarle in impulso elettrico ed inviarlo alla scheda di memoria.

Ovviamente non fa tutto da solo, anzi, la sua funzione è propriamente quella di convertire la luce in impulsi.

La struttura del sensore è spaventosamente cresciuta negli ultimi anni.

Pixel e MagaPixel

Ogni sensore è composto di un certo numero di fotodiodi, elementi sensibili alla luce disposti come una scacchiera.

Ogni fotodiodo è in grado di catturare la luce e convertirla in un impulso elettrico che viene veicolato nei circuiti.

Le fotografie digitali sono composte da un certo numero di elementi. Questi sono i Pixel, ossia Picture Element.

Nel linguaggio corrente si può dire che il Pixel è l’elemento strutturale che caratterizza il sensore.

Infatti, nel sensore delle macchine fotografiche digitali, troviamo un certo numero di Pixel organizzati in file ordinate per migliaia e migliaia di elementi, fino ad essere milioni.

Avrai sicuramente sentito parlare di MEGAPIXEL. Mega infatti vuol dire milioni, quindi un sensore da 24 megapixel avrà 24 milioni di pixel.

Figura 1 – il sensore è la porzione fotosensibile costituita da pixel

I diversi sensori per macchine fotografiche

Sia in base alla fascia prezzo, sia in base all’utilizzo per cui sono concepite, le fotocamere e macchine fotografiche che troviamo in commercio utilizzano un particolare tipo di sensore.

Ad esempio:

  • La vecchia pellicola, 24x36mm, è oggi il sensore definito full frame, che ha dimensioni analoghe.
  • Il sensore APS-C, con geometrie leggermente diversa tra i vari costruttori ma comunque intorno ai 16x24mm, molto diffuso nelle macchine digitali di fascia media o entry level
  • Compatte, bridge o altri formati, montano sensori minori e ce ne sono davvero moltissimi in commercio.
Figura 2 – sensori a confronto: full frame e aps-c

Se è vero da una parte che dimensioni del sensore e numero di pixel influenzano il costo della macchina, è vero che non vuol dire necessariamente una “macchina migliore per fare foto più belle”, anzi, può essere anche il contrario.

A parità di sensore, infatti, mettiamo un sensore full frame, macchine con 24MP (megapixel) ad esempio, saranno più indicate nelle condizioni di scarsa illuminazione perché i suoi pixel saranno più grossi e, alzando la sensibilità, produrranno meno rumore.

Il rumore è un disturbo incontrollato e non voluto del segnale elettrico che si genera quando un pixel è colpito dalla luce e i pixel più grandi risentono meno di questo problema.

Macchine con alto numero di pixel sono particolarmente indicate per determinati usi professionali, quali la moda o la pubblicità, meno per un uso come matrimoni, reportage o per il comune uso amatoriale.

Figura 3 – alta sensibilità con tanto rumore a SX e viceversa a DX

La regolazione degli ISO che impostiamo in macchina, consente di raddoppiare o dimezzare la sensibilità che impressiona il sensore e questo vorrà dire che, nella corretta esposizione, potremo agire su tempi, diaframmi e anche sul sensore.

L’importanza del Diaframma in fotografia

Questo è importante perché il diaframma in realtà, non solo controlla la luce che entra in camera ma anche la profondità di campo, ossia spazio davanti e dietro il nostro soggetto che risulta a fuoco. Ampi diaframmi produrranno una profondità di campo ridotta rispetto a diaframmi più chiusi.

Ma la profondità di campo è controllata anche dalla lunghezza del nostro obiettivo e da quanto poniamo vicino a noi il soggetto. Focali più lunghe avranno una ridotta profondità di campo così come porre un soggetto vicino e viceversa in entrambi i casi.

Ti è piaciuta questa 2° lezione?

Se si continua il percorso cliccando QUI dove trovi la Video Lezione su “Quantità e Qualità della Luce nelle foto

Buona Fotografia,
Stefano

*** VIDEO LEZIONE GRATUITA ***
OTTIENI SUBITO LA LEZIONE GRATUITA

Gli indispensabili della Fotografia

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche:
Ultimi Articoli

In qualità di Affiliato Amazon riceviamo un guadagno dagli acquisti idonei.