La Regola dei terzi nella pittura e nella fotografia

Sapere come fare una composizione è uno dei fattori più importanti per il successo o il fallimento dei tuoi lavori artistici. Puoi creare un’opera eseguita con un livello tecnico molto alto, ma se la tua composizione è debole, lo è anche la tua opera. In questa lezione, esploreremo un metodo compositivo che ti aiuterà a prendere decisioni migliori riguardo alla tua composizione. Questa teoria compositiva si chiama “La regola dei terzi”. Ti spieghiamo cos’è.

La sezione aurea

La Regola dei terzi è figlia della “sezione aurea”, una relazione matematica di proporzioni che può essere trovata nella natura. Questo rapporto unico è stato studiato dai matematici per secoli e utilizzato da artisti e architetti come Salvador Dalì, Le Corbusier e Leonardo da Vinci.

Il rapporto aureo, visualizzato sopra, è un rapporto in cui a + b è a a come a è b . Questo rapporto può essere semplificato in un rettangolo, indicato come “Il rettangolo d’oro”.

Si noterà che quando questo rapporto è applicato ad un rettangolo, la sezione si divide linea che un e b è molto vicino a 1/3 dello spazio rettangolare.

La Regola dei terzi è una versione semplificata della sezione aurea. Un rapporto di 1/3 è molto vicino alla stessa proporzione che utilizzeremmo con il rapporto aureo. Quindi, invece di impigliarci in una complessa formula matematica, possiamo semplicemente usare La Regola dei Terzi al suo posto e ricavare un uguale vantaggio estetico.

Come impostare e applicare la regola dei terzi

La Regola dei terzi è meglio compresa analizzando una superficie vuota. Questo potrebbe essere un foglio di carta da disegno o la tua tela. Fondamentalmente, stiamo prendendo in considerazione il piano dell’immagine.

Possiamo dividere il piano dell’immagine in segmenti usando linee verticali e orizzontali. Ogni linea immaginaria cade sul bordo di uno dei terzi.

Posizionare elementi importanti su una di queste linee porta spesso a una composizione di maggior successo. Ad esempio, è possibile scegliere di posizionare la linea dell’orizzonte in un paesaggio sulla linea orizzontale superiore o sulla linea orizzontale inferiore.

Ma possiamo andare oltre.

Noterai che le linee orizzontali e verticali si intersecano. Queste posizioni di intersezione sono luoghi eccellenti per posizionare elementi importanti all’interno della composizione. Ad esempio, è possibile posizionare i punti focali su uno di questi punti di intersezione per creare una composizione più efficace.

La regola dei terzi applicata alla fotografia

Prima di guardare alcuni esempi di come gli artisti hanno usato la regola dei terzi nella loro arte, esaminiamo alcuni esempi pratici. Possiamo immaginare che questi esempi siano potenziali riferimenti che possiamo usare per un disegno o un dipinto. Vediamo se possiamo migliorare la composizione usando la regola dei terzi.

Esempio 1 – la regola dei terzi per Paesaggi e Panorami

Nel nostro primo esempio, daremo uno sguardo a un paesaggio. La composizione della foto inedita (sotto) è abbastanza forte senza alcuna regolazione.

Il faro, che è chiaramente il punto focale, è posizionato vicino al centro del piano dell’immagine. Il percorso porta i nostri occhi in questa posizione. Proviamo a migliorarlo.

Usando La Regola dei Terzi, ritagliamo l’immagine e posizioneremo una griglia sopra.

Esempio di ritaglio orizzontale 1

Come puoi vedere, ora abbiamo posizionato il faro lungo la giusta linea verticale. La base del faro è ora posizionata su uno dei punti di intersezione e la linea dell’orizzonte è allineata con la linea orizzontale inferiore.

Ma c’è un chiaro problema con questa composizione. Sembra molto pesante in fondo. Spostando la linea in cui la terra incontra l’acqua verso il basso, il cielo viene enfatizzato. In questa immagine, il cielo è piuttosto insipido e privo di interesse visivo. Ecco perché questa composizione appare visivamente pesante nella parte inferiore del piano dell’immagine.

Questa composizione funzionerebbe se ci fosse più interesse visivo nel cielo, ma a questa immagine manca questo. Proviamo di nuovo.

Ancora una volta ritagliamo l’immagine usando la regola dei terzi. Ma questa volta considereremo il peso visivo sia del cielo (leggero) sia del terreno (pesante). Per bilanciare il peso visivo di questi elementi, includeremo più terra e meno cielo.

Paesaggio ritagliato usando la regola dei terzi

Quando poniamo una griglia su questa composizione, possiamo vedere che il faro è in allineamento con la linea verticale destra e incontra il suolo in uno dei punti di intersezione. Vediamo anche che la linea dell’orizzonte è allineata con la linea orizzontale superiore.

Anche il tumulo di rocce in primo piano svolge un ruolo importante nella composizione. Ora possiamo vedere che le rocce sono allineate con un altro punto di intersezione. Come bonus aggiuntivo, abbiamo incluso il percorso, che funge da linea guida, che ci conduce al punto focale (il faro).

Di conseguenza, il nostro secondo tentativo di utilizzare La Regola dei terzi per migliorare la nostra composizione è riuscito.

Possiamo imparare due cose da questo primo esempio. Innanzitutto, La Regola dei Terzi può migliorare le tue composizioni. In secondo luogo, dobbiamo considerare altri aspetti compositivi affinché funzioni.

Esempio 2 – La regola dei terzi per i ritratti

La Regola dei terzi funziona per qualsiasi argomento. In effetti, l’argomento è per lo più irrilevante per questa teoria compositiva. Diamo un’occhiata all’applicazione della Regola dei terzi a un ritratto. Ancora una volta, considereremo questa foto come un potenziale soggetto per un disegno o un dipinto.

Ecco la foto originale …

Foto ritratto inedita

Come puoi vedere, il soggetto viene posizionato direttamente al centro del piano dell’immagine. Gli elementi sullo sfondo sono asimmetrici, ma equilibrati . Ma dato che stanno accadendo così tante cose sullo sfondo, il soggetto (la giovane donna) è in qualche modo perso.

Vediamo se possiamo migliorare questa composizione usando La Regola dei Terzi. Ancora una volta, ritagliamo la foto e posizioneremo una griglia sopra.

Immagine ritratto ritagliata usando la regola dei terzi

Abbiamo ritagliato l’immagine verso il basso e, facendo ciò, abbiamo spostato il soggetto in modo che fosse allineata con la linea verticale a destra. Inoltre, l’abbiamo posizionata in modo che il suo occhio (un punto focale naturale) si trovi su uno dei punti di intersezione.

In questo caso, abbiamo migliorato la composizione usando La Regola Dei Terzi.

Ma ci sono casi in cui La Regola Dei Terzi potrebbe non essere l’opzione migliore per le tue composizioni.

Eccezioni alla regola dei terzi

Proprio come tutto il resto nell’arte, ci sono eccezioni ad ogni regola. Mentre questa teoria compositiva funziona il più delle volte, ci sono circostanze in cui può indebolire una composizione.

Esempio 3 – La regola dei terzi per il ritratto frontale

Diamo un’occhiata a un altro ritratto e tentiamo di migliorare la composizione in base a La regola dei terzi. Ancora una volta, considereremo questa foto come un potenziale soggetto per un disegno o un dipinto.

Ecco uno sguardo alla foto originale …

Esempio di foto di ritratto inedita 2

Qui possiamo vedere di nuovo che il soggetto è posizionato al centro del piano dell’immagine. Ma presta particolare attenzione allo sfondo e ai suoi effetti sull’argomento.

Proviamo a migliorare questa composizione basata su The Rule of Thirds. Ancora una volta, ritagliamo l’immagine verso il basso e poniamo una griglia sopra.

Qui possiamo vedere di nuovo che il soggetto è posizionato al centro del piano dell’immagine. Ma presta particolare attenzione allo sfondo e ai suoi effetti sull’argomento.

Ritratto esempio 2 - regola dei terzi

Ora abbiamo ritagliato l’immagine in modo che la maggior parte della testa sia allineata con la linea verticale destra e gli occhi siano allineati con la linea orizzontale superiore. Di conseguenza, il soggetto è ora posizionato sul lato destro del piano dell’immagine e lo sfondo è meno importante.

Questa nuova composizione è forte, ma è migliore dell’originale?

Se rivisitiamo l’immagine originale, noterai che lo sfondo ha un ruolo nella creazione di messa a fuoco sul soggetto. Lo sfondo presenta un motivo circolare di colori contrastanti che agisce per incorniciare il viso della ragazza. Questo modello enfatizza il viso e lavora per spostare gli occhi sul punto focale.

Composizioni a confronto

La nostra foto modificata è ancora una composizione forte, ma il nostro originale è migliore.

La regola dei terzi nella pittura e nel disegno

Gli artisti nel corso della storia hanno chiaramente riconosciuto l’importanza di composizioni esteticamente di successo. Ci sono innumerevoli esempi di lavori che hanno implorato l’uso di The Rule of Thirds. Diamo un’occhiata ad alcuni di loro …

In questo lavoro di Albert Bredow, vediamo che ha posizionato il punto focale principale usando il punto di intersezione nell’angolo in basso a sinistra. Anche la linea dell’orizzonte è allineata con la linea orizzontale inferiore.

Esempio di pittura di paesaggio che utilizza la regola dei terzi
Esempio di paesaggio sargente

In questo dipinto di John Singer Sargent, possiamo vedere che ha utilizzato La regola dei terzi per posizionare entrambi i principali punti focali all’interno della scena. Il piano aereo schiantato è stato posizionato sul punto di intersezione nella parte in alto a destra del piano dell’immagine. Le figure in primo piano sono posizionate sul punto di intersezione nella parte inferiore sinistra del piano dell’immagine. 

Esempio di ritratto di Cezanne usando la regola dei terzi

In questo autoritratto di Cézanne, vediamo che ha posizionato gli occhi in allineamento con la linea orizzontale superiore e che la maggior parte della figura è allineata con la linea verticale sinistra.

Van Gogh usa la regola dei terzi

In questa natura morta di Van Gogh, vediamo che il contenitore di zenzero blu è in allineamento con la linea verticale destra, mentre la maggior parte delle mele si allinea con la linea orizzontale inferiore.

Uso della regola dei terzi in un'opera d'arte non oggettiva

In questo lavoro non oggettivo di Kandinsky, vediamo che le forme visivamente pesanti sono in allineamento con la linea verticale sul lato sinistro dell’immagine. Il cerchio dominante in basso è anche molto vicino a un punto di intersezione.

Conclusione

La Regola dei terzi è un modo eccellente per migliorare le tue composizioni artistiche.

Tieni presente però che questa è solo una di varie strategie compositive e, al fine di creare una composizione di successo, dobbiamo stare attenti a non fare troppo affidamento solo su una o due strategie perché, quando si tratta di progettare le nostre opere d’arte, ci sono vari fattori e aspetti da tenere in considerazione.

Ricorda: Le miniature o gli schizzi preliminari saranno sempre i tuoi migliori amici.

Ma di questo e di altre strategie ne parleremo la prossima volta 😉

PS: Se conosci altre strategie compositive e le vuoi approfondire, citale qui sotto nei commenti e lo terremo in considerazione per la scaletta dei nostri prossimi articoli formativi.

Buona Esercitazione,
Salvatore.

PS: se vuoi veramente migliorare le tue tecniche artistiche scopri le offerte che abbiamo pensato per TE e i tuoi AMICI Artisti!
Ti dico solo che ci saranno 3 corsi con SCONTO del 50% (e oltre) ;-)

e REGALA(TI) un’esperienza da vivere tutto l’anno

PS: se vuoi veramente migliorare le tue tecniche artistiche scopri le offerte che abbiamo pensato per TE e i tuoi AMICI Artisti!
Ti dico solo che ci saranno 3 corsi con SCONTO del 50% (e oltre) ;-)

Il Coupon potrà essere usato SOLO Venerdì 29 Novembre 2019!

VIDEO LEZIONE GRATUITA
Gli indispensabili del Disegno
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Salvatore Liardo
Appassionato di arte ed esperto di internet, è tra i fondatori, unendo queste sue passioni è nato Cerchio di Giotto, di cui coordina lo staff.
Leggi anche:

4 Comments

  • È interessante, vorrei altri approfondimenti di questa tecnica.
    Intanto vorrei vedere altri video di nati per il ritratto…

  • Ciao Chiara e Salvatore,
    sono molto incuriosita dalle teorie della Gestalt applicate all’arte. Mi piacerebbe molto se pubblicaste articoli al riguardo.
    Cordiali saluti
    Katia

  • Ciao Katia, ci fa piacere che l’articolo sia stato di tuo gradimento, sicuramente approfondiremo l’argomento.

  • Ciao, approfondiremo l’argomento, per gli altri video li trova tutti sul nostro canale YouTube

    A presto.
    Salvatore

Rispondi

Tutti possono imparare a disegnare, non esistono i negati del disegno!

La capacita di disegnare può essere acquisita da qualsiasi persona normale con una vista mediamente buona e una discreta coordinazione tra funzione visiva e motoria.

Puoi imparare a disegnare se sai fare almeno una di queste cose:

Infilare il filo in un ago
Afferrare una palla
Allacciarti le scarpe
Andare in bicicletta
Fare due passaggi con una racchetta
  • La Regola dei terzi nella pittura e nella fotografia
  • La Regola dei terzi nella pittura e nella fotografia
  • La Regola dei terzi nella pittura e nella fotografia
  • La Regola dei terzi nella pittura e nella fotografia
  • La Regola dei terzi nella pittura e nella fotografia

Se ti hanno detto che non sei portato per il disegno, si sono sbagliati.
Col nostro metodo didattico, chiunque può imparare a disegnare e te lo dimostriamo subito. 

Scarica la nostra e impara davvero a disegnare!
  • La Regola dei terzi nella pittura e nella fotografia
  • La Regola dei terzi nella pittura e nella fotografia
  • La Regola dei terzi nella pittura e nella fotografia
  • La Regola dei terzi nella pittura e nella fotografia
  • La Regola dei terzi nella pittura e nella fotografia
  • La Regola dei terzi nella pittura e nella fotografia

Nel video ti mostriamo quali sono gli strumenti indispensabili del disegno e come si usano. In modo facile e chiaro.

OTTIENI SUBITO LA LEZIONE GRATUITA
Gli indispensabili del Disegno

POSTI LIMITATI

UN WEEKEND DI ARTE, NATURA, CULTURA E CIBO

Seminario di Disegno dal Vivo

Umbria
24 - 25 - 26 Aprile 2020