Come sarà il futuro dell’arte?

Questa mattina stavo leggendo i vari portali di notizie che seguiamo e fra tutti mi ha attirato questa domanda…

Come sarà il futuro dell’Arte?

Con Chiara ne abbiamo parlato spesso, e anche qui nel Blog più volte ti abbiamo fatto questa domanda e….

La prima risposta che ci viene è: Sarà straordinaria �

Perchè crediamo questo?

Semplice, l’Arte è un qualcosa che ognuno di noi ha dentro e la troviamo in tutto quello che ci circonda…e perchè non dovrebbe continuare?

Ma non solo, grazie alle nuove tecnologie, sia nella realizzazioni grafiche sia in quelle di scultura o qualsiasi altra forma artistica rappresentativa avremmo sempre più possibilità…

Un esempio? Guarda il video…

Alla base di queste opere d’arte c’è l’algoritmo di deep learning noto come Gan (Generative Adversarial Network), lo stesso che ha prodotto i volti che non esistono e che è alla base dei tanto temuti video deepfake. Questo sistema, che consente di creare (anche) opere d’arte, è considerata l’ultima frontiera nel campo dell’intelligenza artificiale. Parlare di “algoritmo”, però, è scorretto: nel Gan ne vengono infatti utilizzati due, in competizione tra loro.

Per iniziare, si forniscono ai due algoritmi i dati necessari all’addestramento (per esempio, centinaia di migliaia di immagini di opere d’arte), dando però loro due compiti differenti. Il primo algoritmo, chiamato generatore, sfrutta il suo database per creare delle immagini originali. Il secondo, chiamato discriminatore, dovrà determinare se i risultati che gli vengono sottoposti sono stati creati dal primo algoritmo o sono invece parte del database. Più è accurato il lavoro del generatore, maggiori sono le possibilità di ingannare il discriminatore (immaginatevi qualcosa di simile alla sfida tra un falsario e un critico d’arte).

Ogni volta che il secondo algoritmo rifiuta correttamente ciò che gli viene sottoposto (accorgendosi quindi che è opera del generatore), il lavoro ricomincia da capo e il generatore è spinto a migliorarsi per riuscire a ingannare il suo avversario. La competizione tra i due algoritmi termina quando il discriminatore non è più in grado di distinguere gli esempi usati per l’addestramento dai risultati ottenuti dal generatore.

Tutto questo non è per dire che (per questo esempio) i pittori del futuro saranno gli algoritmi ma, almeno noi, crediamo che questi saranno ottimi compagni di viaggio nella creazione di nuove straordinarie opere e saranno alla portata di tutti.

Non per niente gli algoritmi sono stati inventati e scritti da persone…

Immagini quindi cosa potrebbero fare dei veri artisti trasferendo la loro idea creativa tramite algoritmi?

Sicuramente ne vedremo delle belle…. 😉

E per concludere ecco un’altro esempio caratteristico:

Portrait of Edmond de Belamy esposto da Christie’s a New York

Il 25 ottobre 2018 l’opera chiamata Ritratto di Edmond Belamy è stata venduta a un’asta di Christie’s per 432500 dollari. È il ritratto di un gentiluomo ottocentesco, forse un uomo di chiesa. A distinguere questa opera da un ritratto classico è la mancanza di buona parte dei tratti del volto, il che rende il dipinto più contemporaneo e anche vagamente inquietante.

E sempre fatto da un algoritmo 🙂

Un saluto e a presto,
Salvatore.

Fonte

PS: se vuoi veramente migliorare le tue tecniche artistiche scopri le offerte che abbiamo pensato per il BLACK FRIDAY di VENERDÌ 29 Novembre!

Ti dico solo che ci saranno 3 corsi con SCONTO del 50% (e oltre) 😉.

Il Coupon potrà essere usato SOLO Venerdì 29 Novembre 2019!

VIDEO LEZIONE GRATUITA

Gli indispensabili del Disegno

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Salvatore Liardo

Salvatore Liardo

Appassionato di arte ed esperto di internet, è tra i fondatori, unendo queste sue passioni è nato Cerchio di Giotto, di cui coordina lo staff.

Rispondi

Tutti possono imparare a disegnare, non esistono i negati del disegno!

La capacita di disegnare può essere acquisita da qualsiasi persona normale con una vista mediamente buona e una discreta coordinazione tra funzione visiva e motoria.

Puoi imparare a disegnare se sai fare almeno una di queste cose:

Infilare il filo in un ago
Afferrare una palla
Allacciarti le scarpe
Andare in bicicletta
Fare due passaggi con una racchetta
  • Come sarà il futuro dell’arte?
  • Come sarà il futuro dell’arte?
  • Come sarà il futuro dell’arte?
  • Come sarà il futuro dell’arte?
  • Come sarà il futuro dell’arte?

Se ti hanno detto che non sei portato per il disegno, si sono sbagliati.
Col nostro metodo didattico, chiunque può imparare a disegnare e te lo dimostriamo subito. 

Scarica la nostra e impara davvero a disegnare!

  • Come sarà il futuro dell’arte?
  • Come sarà il futuro dell’arte?
  • Come sarà il futuro dell’arte?
  • Come sarà il futuro dell’arte?
  • Come sarà il futuro dell’arte?
  • Come sarà il futuro dell’arte?

Nel video ti mostriamo quali sono gli strumenti indispensabili del disegno e come si usano. In modo facile e chiaro.

OTTIENI SUBITO LA LEZIONE GRATUITA

Gli indispensabili del Disegno