Acquerello – La tecnica e le sue origini

L’uso dell’acquarello, anche se non identico a quello “moderno” come noi lo intendiamo, risale a tempi antichissimi. Gli antichi egizi, la Cina dei primi secoli d.c. i miniaturisti medievali, già usavano colori di composizione simile all’acquarello, diluiti in acqua, con effetti più simili a ciò che noi definiamo “gouache” (guazzo).

Durer, il grande incisore e disegnatore tedesco del XVI secolo, ne studiò approfonditamente le possibilità come mezzo pittorico autonomo, anticipando di due secoli gli artisti che ne fecero una forma espressiva autonoma.

DURER 

Mail vero e proprio acquerello, di pratica piuttosto recente, consiste nell’uso di colori diluiti con semplice acqua e distesi in velature fluidissime, anche ripetute, con la caratteristica del bianco dato dal colore stesso della carta;e non va confuso con quei procedimenti, a base di tinte dense, schiarite con l’aggiunta di bianco. La differenza consiste dunque nell’esecuzione, non nella composizione chimica dei colori adoperati.

Con l’invenzione dei colori ad olio nel XV secolo, l’acquarello prese ad essere considerato come una tecnica di secondo piano, utile soprattutto per eseguire bozzetti preparatori di grandi dipinti ad olio, fino agli inizi dell’800,quando si riconobbe finalmente la dignità di procedimento artistico a sé stante a questa tecnica, grazia ad artisti incredibili quali: William Turner, John Robert Cozens, Thomas Hearne,  i fratelli Malton, Thomas e James, Edward Dayes, Thomas Girtin, Johan barthold Jongkind,  fino poi a conquistare nel 900,numerosi artisti tra i quali anche i pionieri dell’astrattismo Wassilij Kandinskij e Paul Klee che fecero largo uso di questa tecnica per esplorare le possibilità artistiche di una nuova estetica.

Molti artisti moderno, noti maggiormente per l’uso di altre tecniche pittoriche, hanno prodotto opere magistrali anche attraverso l’acquarello. 

Approfondisci la tecnica dell’acquerello, ho fatto un video dove ti mostro come utilizzare la tecnica del bagnato su bagnato, nel video ti propongo delle semplici esercitazioni grazie alle quali imparerai subito a padroneggiare meglio questa tecnica. Guarda il video qui sotto…..

Clicca per vedere il video

L’articolo ti è piaciuto? Vuoi farmi qualche domanda? Approfitta scrivendolo qui sotto nei commenti, ti risponderò il più presto possibile.

Commenta con Facebook

commenti